More Website Templates @ TemplateMonster.com - December 16, 2013!

Trajec(s)tories. Vedi i tuoi diritti – fai vedere la tua vita


Il progetto mira a creare un evento che accresca la consapevolezza del pubblico riguardo argomenti come la discriminazione e l’esclusione sociale. Il progetto punta a raggiungere il suo obiettivo tramite una mostra all’aperto che include esposizioni che rappresentano la vita di un gruppo di persone, dette ‘stakeholders’, che appartengono alle categorie a rischio di discriminazione ed esclusione. Nella mostra sono riportate esperienze biografiche di persone facenti parte di livelli sociali e culturali diversi, insieme ad alcune scelte compiute riguardo il loro stile di vita, il tutto in una cornice sociale ben precisa, quella della città di Torino. Ogni elemento importante delle storie di vita raccontate è analizzato in base ad eventi passati, la sfera emotiva, l’aspetto sociale e personale e considerando l’impatto che avrà su decisioni future ed il resto della vita.

Our refugees – Sun in the hand

Il progetto si divide in cinque fasi:
Fase I: identificazione degli ‘stakeholders’ (almeno 20 persone) (3 mesi);
Fase II: ricerca ed analisi della vita degli ‘stakeholders’ (6 mesi);
Fase III: costruzione delle opere e del materiale informativo con il supporto di artisti e grafici (3 mesi);
Fase IV: esposizione delle opere in luoghi pubblici come piazze, parchi ed università; workshop e laboratori mirati ad un pubblico vario e distribuzione dei materiali informativi (5 mesi);
Fase V: valutazione finale (1 mese) ed approfondimento.





Beneficiari del progetto:
Cittadini, immigrati

Promotore del progetto:
Agenzia Nazionale Giovani

Luogo
Torino

Maggiori informazioni:
www.giosefunito.eu


COSA DICONO:


“Le persone coinvolte erano felici di avere l’opportunità di esprimersi in un luogo sicuro, e grazie a questo si sottomettono ad un processo di auto emancipazione. Dopo aver partecipato a questo progetto, una ragazza che viveva una situazione di oppressione a casa ha deciso di trasferirsi a Londra, dove ora studia e lavora.”